Sator: quadrato magico e Vastu Purusha

Uno degli errori più gravi che possiamo commettere quando pensiamo alle antiche scienze – come quella del Vastu che discende dagli antichi Veda – è quello di pensare che antico sia sinonimo di antiquato o peggio ancora assimilabile a primitivo, poco evoluto.

Ho conosciuto il quadrato magico del Sator quasi per caso, nel 2006.

Ero a Rimini a presentare il libro sul Vastu tradotto da me e mia moglie Annalisa al convegno di Edizioni Mediterranee. Avevo appena parlato di fronte a 800 persone ed ero ancora parecchio emozionato, ma non sapevo cosa mi aspettasse.

Subito dopo il mio intervento, sale sul palco Maria Grazia Lopardi, autrice del libro Il Quadrato Magico del Sator. Dopo un paio di diapositive non ho dubbi: il Sator non è nient’altro che una versione latina del Vastu Purusha mandala, la matrice vedica quadrata che sintetizza in un unico schema le energie dello spazio e le proporzioni del costruire.

Sator

Più tardi ho saputo che Maria Grazia aveva avuto lo stesso sussulto quando avevo proiettato il Vastu Purusha mandala 😀 . Come vedi nella figura, il Sator è un quadrato di cinque parole composte da cinque lettere e disposte in modo da potersi leggere in ogni verso; è stato rinvenuto nelle mura di numerosi edifici antichi, spesso legati all’Ordine dei Templari.

Maria Grazia Lopardi ha gentilmente spiegato per tutti gli amici di CasaVastu i dettagli del significato delle parole e di altre parole chiave nascoste nel Sator in un’intervista scaricabile gratuitamente.

Il quadrato magico del Sator ha messo a dura prova per decenni studiosi e appassionati che hanno cercato di penetrarne il significato nascosto. Nell’impresa è invece riuscita la Lopardi che, grazie ad una formidabile intuizione, ha consegnato al mondo il segreto dei segreti del Sator, che non era mai stato scritto ma che è rimasto sotto gli occhi di tutti per millenni nell’armonia delle costruzioni sacre.

In pratica il quadrato magico del Sator può essere visto come una griglia formata da 4 quadrati per lato, quindi con un totale di 16 quadrati. Ma allora che cosa c’entra con il VastuPurusha mandala che invece è formato da 9×9 quadrati?

Beh, devi sapere che non esiste un solo Vastu Purusha mandala, ma ce ne sono 32 versioni 😯 ! A partire dal Vastu Purusha mandala con un solo quadrato, a quello 2×2, quello 3×3, quello 4×4 (come il Sator), … fino a quello 32×32 che veniva utilizzato per costruire le grandi città.

Vastu e Sator Assisi

Inoltre i mandala con un numero pari di quadrati per lato (quello con 8 è il più frequente) venivano utilizzati per le costruzioni sacre, mentre quelli con un numero dispari (quello con 9 è il più utilizzato per le abitazioni) erano invece riservati alle costruzioni “mondane”.

E che cosa ha scoperto la Lopardi? Che il quadrato magico del Sator non è nient’altro che una matrice che racchiude in sé angoli, proporzioni, strutture e geometrie utilizzate per costruire luoghi sacri e di potere di tutti i generi e tempi.

Ebbene, come puoi vedere dall’immagine qui accanto, la basilica di San Francesco di Assisi è totalmente inscritta dentro le geometrie del Sator.

Sator e Vastu Castel del Monte

E nel Sator ci sono anche la sezione aurea, gli angoli in rapporto aureo, e persino la terna di angoli 36°-108°-36° detta la Firma di Dio (considera che 108 è un numero estremamente sacro nella cultura vedica) è abilmente nascosta nella tessitura del Sator.

Non solo basiliche e chiese, ma perfino il mastodontico Castel del Monte costruito da Federico II in Puglia sembra progettato sulla base delle geometrie sacre nascoste nel Sator.

E ci sono decine e decine di altri casi e ne stanno venendo fuori continuamente (Maria Grazia mi ha detto che lei non si ferma 😉 ).

Secondo me la scoperta del segreto custodito per secoli nel diagramma del Sator è una conferma chiara e inequivocabile dell’universalità dei principi base che venivano utilizzati un tempo per costruire secondo natura.

Un modo di costruire in cui cosmo e natura, cielo e terra venivano a incontrarsi nello spazio costruito secondo schemi ritenuti alla base della creazione del cosmo e in perfetta armonia matematica. Un modo questo di “imitare la natura”, la perfezione del Vastu.

Ovviamente nello spazio di un articolo non è possibile descrivere tutte le incredibili corrispondenze tra edifici costruiti e Sator e le moltissime altre scoperte della Lopardi.

Ti invito quindi a leggere il suo libro e per approfondimenti visita anche il suo sito cliccando qui.

Facebook
Telegram
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Tiziano Valentinuzzi

Tiziano Valentinuzzi

Tiziano Valentinuzzi, laurea e dottorato in Astronomia e digital strategy expert di fama, studia e insegna Vastu e meditazione da oltre 25 anni. Amante della vita e dell’azione positiva, il suo motto è “vivi la vita che desideri” e ha insegnato a costruire la propria libertà personale e felicità a migliaia di studenti.

8 risposte

  1. Is there an english version?

    Once you go to my website you will understand why I would love to see this research in an english version.

    selah

    Raphael

    sage of this age?

  2. Bellissimo ed estremamente interessante questo articolo, sono entusiasta 🙂

    vorrei chiederti una cosa: ma il quadrato magico, ha influenza solo nell’architettura?

    a livello personale c’entra in qualche modo?!

    Grazie, Ciao tiziano 😉

    1. Ciao Beannah,
      ti va di postare anche questa domanda su “Chiedilo a Tiziano”? 😉

      Un caro saluto,
      Annalisa

  3. Ciao Tiziano !
    nell’introduzione delle conferenze di Feng-Shui insisto che non è una cineseria, che ce l’abbiamo anche noi, che è stato nascosto ma si ritrova ovunque: la forma ottagonale, battisteri in primis, dove l’ 8 indica il rinnovamento, dunque il battesimo (si suggerisce l’idea della reincarnazione).
    E finisco con Casteldelmonte, ottagono frattalico !
    Vastu, Feng-Shui, Architetture Sacre sono parte di un’unica scienza, perché le leggi universali sono universali.
    un abbraccio.

  4. Non ho ancora letto il libro, ma ho ascoltato l’intervista: magnifica!
    Bravissimi Tiziano e Maria Grazia, è stato davvero emozionante ascoltarvi.
    Molto bello e interessante, un altro passo che fa convergere la Scienza e quello che i Mistici dicono da millenni.
    Grazie! 🙂

  5. Molto interessante questo argomento. Ho letto il libro ed è ben scritto.
    Sarebbe bello portare questo strumento nella progettazione contemporanea.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ottieni gratis la guida Vastu e Direzioni

Compila il modulo qui sotto e ricevi gratuitamente la guida “Vastu e Direzioni” dal costo di 19€