Intervista su “Tutto a posto: istruzioni per vivere leggeri” di Giorgia Ferrari

Giorgia FerrariOggi ti voglio presentare Giorgia Ferrari, autrice del libro “Tutto a Posto: Istruzioni per vivere leggeri”, un ottimo libro che tratta di space clearing e clutter clearing.

Le ho chiesto di parlarcene perché quando l’ho letto ho sentito molta affinità con il “mio modo” di presentare e trasmettere le cose, e quindi penso che se ti piace CasaVastu ti piacerà di sicuro anche il libro di Giorgia Ferrari.

Il libro infatti insegna un metodo pratico e facilmente applicabile per eliminare le cose inutili e organizzare tutto il resto. In particolare ti mostra come scegliere in positivo quello che ci serve davvero o che ci fa star bene, liberando così energia e soprattutto tempo.

Così come in Vastu Clearing, anche nel libro di Giorgia Ferrari uno degli obiettivi principali è proprio quello di non sprecare più tempo riordinando o cercando le cose.

Un classico esempio è quello delle chiavi che alla mattina, soprattutto quando abbiamo fretta, sembrano essersi smaterializzate. Oppure quando ti appresti a fare dei piccoli lavori in casa e cerchi la pinza o il martello… sai di averlo da qualche parte ma non sai dove, e finisci per ricomprare cose che già possiedi sprecando così anche denaro.

Inevitabilmente se hai tante cose ti devi occupare di loro, ma questo non ti rende più ricco, ti rende solo più dipendente da esse.

È stato calcolato che di tutto ciò che possediamo usiamo appena un 20%.

Il problema è che quell’80% che non utilizziamo oltre a sottrarci spazio, come minimo deve essere riordinato, pulito, sistemato, ci toglie anche il tempo, il bene più prezioso e non accumulabile.

Non sarebbe meglio occupare invece quel tempo in modo più produttivo e piacevole, ad esempio curandoci di noi o facendo ciò che ci rende felici? beh, la risposta la so già 😉 .

Intervista a Giorgia Ferrari

Nonostante i 25 anni di lavoro bancario, gli studi di Giorgia sono stati al di fuori di quell’ambito. Infatti è laureata in Sociologia, ha fatto corsi di Interior Design, Feng Shui e ha anche acquisito la certificazione di Master Pract in PNL (programmazione neuro linguistica).

Ho fatto 4 domande chiave a Giorgia Ferrari sul libro “Tutto a Posto: Istruzioni per vivere leggeri”, ecco le sue risposte.

1) Come è nata la tua passione per lo space clearing?

Come spesso succede si parte da un’esigenza personale.

Non sono mai stata un’accumulatrice di oggetti, ma sono sempre stata appassionata di troppe cose.  Come tante donne che si dividono tra lavoro, casa e famiglia il tempo per me era quello che avanzava dopo tutti i “devo fare”.

In un periodo di grande difficoltà emotiva e fisica che non sapevo come superare, ho letto “Il magico potere del riordino. Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita” il famosissimo testo di Marie Kondo, e in una triste e piovosa giornata ho iniziato riordinando un cassetto, quello dei calzini.

Il fare le cose per me è fondamentale, non mi basta sentirle o leggerle. Possiamo dunque dire che tutto è nato da un cassetto dei calzini, una nascita umile ma per me molto significativa 😉 . Dal cassetto sono passata all’armadio, poi al resto della casa e in parte anche alla vita.

Man mano che applicavo le indicazioni del metodo giapponese le sentivo troppo estreme e minimaliste, per me e per la nostra cultura. Perciò ho deciso di studiare anche le basi dell’organizzazione più occidentali, più vicine alla nostra cultura e standard di vita.

Sono stata negli Stati Uniti per apprendere i metodi dei personal organizer americani. Queste figure professionali da noi stanno nascendo solo ora, mentre nei paesi anglosassoni è comune farsi aiutare sia nell’organizzazione quotidiana, sia nei momenti più straordinari della vita, come quando si deve affrontare un trasloco, una separazione o un lutto.

Alla fine di questo ulteriore percorso di approfondimento ho sintetizzato una serie di strategie pratiche per alleggerire e organizzare qualunque ambiente.

Confrontandomi con diverse persone, ho visto che le difficoltà di organizzazione nascono dal fatto che nessuno ti insegna “le basi dell’organizzazione”, altri invece non hanno avuto esempi positivi in famiglia e più in generale la pratica dell’ordine non rientra nella nostra cultura, mentre in oriente è parte dell’educazione.

E così ho pensato di scrivere un manuale di istruzioni pratiche per tutti quelli che pensano “vorrei ma non so da che parte iniziare” 🙂 .

2) Perché è cosi importante prestare attenzione a quello che ci circonda?

Non tutti sanno (a parte gli amici di CasaVastu ovviamente 😉 ) che l’ambiente in cui viviamo o lavoriamo condiziona fino ad un 30% del nostro stato emotivo. Questo anche se non ne abbiamo consapevolezza.

Tendenzialmente chi ha tanta roba accumulata intorno a sé soffre anche di sovrappeso fisico, mentalmente fa fatica a mettere in fila le idee o a staccarsi da situazioni affettive o lavorative che lo condizionano in modo pesante o negativo.

Imparare ad alleggerire i propri ambienti con lo space clearing allena una sorta di scelta felice e questo spesso innesca meccanismi di miglioramento personale. Prendersi cura dell’ambiente porta a voler prendersi cura di sé.

3) Come si differenzia precisamente il tuo metodo dal metodo giapponese ?

La cosa fondamentale per me è che vengano rispettate la singole identità per non creare ambienti fatti in serie o minimalisti.

Non dirò mai a nessuno “devi avere al massimo dieci libri in casa perché quelli che non hai letto finora non li leggerai più”.

Se qualcuno mi dicesse “io preferirei rinunciare al divano di casa e sedermi sui libri piuttosto che disfarmene”, potrei capirlo. È sempre una questione di scelte, ma la cosa importante è avere organizzazione ed equilibrio.

Nel percorso del libro analizzo anche gli aspetti mentali legati all’accumulo di oggetti cercando di fornire strategie per pensare alle cose in modo diverso.

Mi interessa far capire che il risultato che abbiamo intorno a noi è dato da abitudini che possiamo gradualmente modificare, affinché alla fine del percorso l’ordine che si è creato possa essere mantenuto nel tempo.

4) Secondo te perché lo space clearing sta prendendo sempre più piede?

Viviamo in una società consumistica che purtroppo abbina il “possedere cose” alla felicità. Cose a cui demandiamo la responsabilità di darci un’identità. La macchina elegante, l’orologio sportivo, l’ultimo modello di cellulare.

Non dico che possedere belle cose sia un problema, sempre che uno se lo possa permettere, ma dico che non dobbiamo attribuire agli oggetti un significato che non hanno.

Solo in questo modo possiamo considerarli per ciò che sono, ovvero oggetti di fabbrica e come tali è più facile lasciarli andare.

Questo maggior distacco si traduce in comportamenti d’acquisto più consapevoli e responsabili, in un’ottica di decrescita che in termini ambientali sta diventando essenziale.


Giorgia-Ferrari-SpaceClearingCome ti avevo promesso anche a Giorgia Ferrari piacciono i contenuti asciutti e diretti, e quindi le sue risposte sono coincise e vanno subito al punto 🙂 .

In una chiacchierata postuma al telefono mi ha anche confidato una cosa: “Il successo più importante che sono riuscita a portare a casa con il mio metodo è stato il riordino fatto insieme ai miei figli di 16 e 12 anni nelle loro camere. In confronto il resto è una passeggiata.”

Ah ah, questa è la classica domanda che ricevo costantemente da tutti gli amici che stanno frequentando Vastu Clearing, l’incubo di tutte le mamme è sempre la camera dei figli, specie dei maschi :-).

Come giustamente sottolinea Giorgia Ferrari il punto centrale è l’organizzazione e il saper come fare. Non serve prendere una laurea o complicarsi la vita. Organizzarsi il tempo e gli spazi è come andare in bicicletta, si fa un po’ di fatica all’inizio, ma poi diventa tutto naturale.

Quindi bando alle ciance, sia che tu abbia già frequentato il corso Vastu Clearing, sia che non lo abbia ancora fatto, ti consiglio vivamente di leggere (e applicare) il libro “Tutto a Posto: Istruzioni per vivere leggeri” di Giorgia Ferrari.

3 commenti

  1. giac

    1 anno fa  

    bello. complimenti!


    • Anna Pignolo

      8 mesi fa  

      Non ho sperimentato personalmente questo metodo ..ma sono molto incuriosita …Desidererei provarlo ..visto che che è un mio problema Grazie
      e distinti saluti


    • Anna Pignolo

      8 mesi fa  

      Grazie delle utili informazioni. .Ho letto i vari pareri e mi consolo perché mi rendo conto che non sono la sola. …Ne soffrivo prima inconsapevolmente ..ora sono molto consapevole Gradirei più informazioni Grazie e distinti saluti


Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

Accedi gratis alla miniguida «CASA E DESTINO»

Scrivi la tua email nello spazio qui sotto, spunta l'accettazione della privacy e premi il pulsante 'Sì, voglio la miniguida!'

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Informativa sulla politica di privacy del sito

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al funzionamento, anche di sistemi di tracciamento (cookie di tracciamento) utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco